Blog

22 Marzo, 2018
Comunista, compagno mio...

Non è passato molto tempo da quando il nostro elegante intellettuale di sinistra è stato dimesso per l'ennesima volta dall'ospedale. Ancora fasciato e ingessato, torna a casa di corsa, per così dire, senza fare deviazioni e ignorando chiunque abbia l'aria di potergli rivolgere la parola. Giunto sul fatidico pianerottolo, ben attento che non ci siano […]

Leggi
7 Marzo, 2018
Pacifista, amico mio...

Il nostro elegante intellettuale di sinistra, nuovamente dimesso dall'ospedale, s'affretta a tornare a casa, zoppicando e arrancando a causa della considerevole quantità di gesso che lo ricopre. Di fronte al suo appartamento, sulla porta del vicino, nota una targa prima assente: APU - Associazione Pacifisti Uniti. Incuriosito ed esaltato per tale iniziativa, bussa senza esitazione […]

Leggi
6 Marzo, 2018
Attraverso la neve

Sabato, appena fatta una lunga camminata sotto la neve, ben coperto, a parte per le scarpe che sono da sempre il mio tallone d'Achille, rientro in casa e mi scrollo di dosso un mantello di fiocchi candidi, che vanno a bagnare il vano delle scale. Tiro fuori il cellulare, nel caso qualcuno mi avesse cercato […]

Leggi
1 Marzo, 2018
Amare è una parola

O si ama per intero o non si ama. Punto. Non ci sono vie di mezzo, quando si tratta di amare una persona. L'amore non è un sentimento, non è un sentire, un affetto; è anche queste cose, ma non solo. Amare è un lavoro, un impegno, una fatica, e non smette mai di esserlo. […]

Leggi
30 Gennaio, 2018
Femminista, sorella mia...

L'elegante intellettuale di sinistra, sopravvissuto grazie al pronto intervento di pochi valorosi cittadini e dalla solerzia di esperti medici, esce finalmente dall'ospedale. Ancora dolorante, scorge in lontananza un vivace e colorato corteo di femministe, tutte mezze nude e intente a gridare al mondo i loro diritti. Contento di poter fornire il proprio appoggio a una […]

Leggi
24 Dicembre, 2017
Io non consumo

Il cliente non ha sempre ragione. Ma considerarlo il disumano ingranaggio di una catena di montaggio è l'opposto a cui nessun esercente dovrebbe puntare. Siccome non mi piace fare cattiva pubblicità, almeno non pubblicamente, non farò il nome del bar da dove sono stato praticamente cacciato, nemmeno tanto garbatamente, perché stavo occupando un tavolo da […]

Leggi
7 Dicembre, 2017
"Ho visto uomini chinarsi verso terra, non ho mai visto uomini volare"

L'amico Samuele Macchi risponde al mio pezzo su arte, cinema e pubblico (che potete trovare qui), e io lo pubblico volentieri. "L'arte in quanto forma espressiva della personalità del singolo è totalmente libera, autocratica e anarchica. Ma in quanto opera (intesa come prodotto di un lavoro prolungato nel tempo) non sfugge alle regole del mercato, […]

Leggi
5 Dicembre, 2017
Il pubblico ha rotto il c***o!

Non sono un estimatore di Riccardo Scamarcio, ma faccio parte di quelli che hanno accolto con estrema soddisfazione il suo intervento presso il Bif&st di Bari di quest'anno, quando cioè si è sfogato dicendo: "Il problema è il pubblico, e scusate ma voi rompete il c***o. [...] Voi volete interagire con lo spettacolo, volete applaudire, […]

Leggi
24 Ottobre, 2017
Etica dell'apologetica cibernetica

Da quando esiste il web si è moltiplicata infinitamente la schiera di difensori della Chiesa Cattolica, il che può sembrare una buona cosa e tuttavia presenta dei problemi. Innanzi tutto molti di questi autoproclamati apologeti sono alquanto maldestri. Che siano più o meno tradizionalisti corrono il rischio di produrre più danni che benefici, per una […]

Leggi
19 Ottobre, 2017
L'orco non è solo

Sulle ultime dichiarazioni della Lawrence, cioè sul fatto che molte attrici come lei siano state sottoposte a rigide e umilianti selezioni in base a bellezza e girovita (ma la cosa vale anche e soprattutto per tutte le altre molestie di cui si è parlato in questi giorni), non viene a nessuno un rigurgito nei confronti […]

Leggi
7 Ottobre, 2017
Stuprus in fabula

Esiste una retorica che trovo a dir poco insopportabile che vorrebbe ignorare il male in favore di una sorta di libertà, che altro non è che mera illusione di poter fare quel che si vuole a dispetto di pericoli oggettivi. Questa retorica spicca nel dibattito sullo stupro e vorrebbe le donne assolutamente libere di vestirsi […]

Leggi
1 Ottobre, 2017
Io sto coi catalani

Innanzitutto devo chiedere scusa a chiunque abbia aperto l'articolo, poiché il titolo è quel che nel linguaggio della rete viene comunemente detto "clickbait", letteralmente un "amo per click", una calamita per visualizzazioni, e di fatto non rappresenta propriamente il mio punto di vista. Esso sarebbe meglio rappresentato da un titolo come "io starei coi catalani", […]

Leggi

Iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti per ricevere la rassegna settimanale, rimanere aggiornato sulle attività, gli eventi e le novità editoriali.


Le nostre rubriche

facebook-square linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram