"E proprio perché era tutto così bello..."

Settembre 9, 2018
Edoardo Dantonia

I cristiani non credono perché il mondo è brutto, ma perché è bello.

Dicono che un credente è tale perché ha bisogno di esorcizzare il male che c'è nel mondo, la sofferenza che alberga nella sua vita. I romani nei loro epitaffi si struggevano per una vita insensata e piena di dolore, al termine della quale non si poteva far altro che scomparire senza lasciare traccia. Sembrava dunque che il Cristianesimo avesse rotto questo incantesimo, sembrava quasi che i cristiani avessero mostrato la bellezza di questo mondo a chi non la vedeva, che avessero trovato un senso laddove non c'era. Ma questo non è del tutto vero.

Il Cristiano non è colui che vede la bruttezza in questo mondo e cerca così la bellezza in un altro. Il Cristiano è colui che vede la bellezza in questo mondo e proprio per questo non accetta che essa possa finire, che essa sia tutta qui. Proprio perché il mondo è così incredibile deve esserci qualcosa di ancora più incredibile; un bello assoluto rispetto a questo bello relativo, un bene infinito rispetto a questo bene temporaneo, una gioia piena rispetto a queste gioie passeggere.

"E proprio perché era tutto così bello, nasceva in me un desiderio, sempre lo stesso: da qualche parte doveva esserci qualcosa di ancora più bello".

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani aggiornato su articoli e pubblicazioni

Gennaio 22, 2021
Davvero vogliamo essere rappresentati dalla poesia di Amanda Gorman?

Si trova praticamente ovunque, buttata sotto gli occhi di tutti, questa ragazzina che ha recitato una sua poesia alla cerimonia di insediamento di Joe Biden. Ora, al di fuori di tutte le ragioni per cui è interessante l'evento, al di fuori del personaggio della Gorman, è sempre cosa molto utile in questi casi vedere che […]

Dicembre 17, 2020
La caccia dell'Aquila Solitaria

Liquidare un libro mal scritto con due parole di biasimo o di elogio falso è facile come bere un bicchier d'acqua e mandar così giù i rimorsi della coscienza, se ancora se ne possiede una. Diversi recensori, a dire il vero, la tengono pulitissima e ben stirata sotto una teca di vetro, senza usarla mai […]

Novembre 24, 2020
La schiavitù nella letteratura 2: Sosia, lo schiavo della commedia

La parola sosia per quanto possa suonare aulica ha una storia molto meno nobile di quanto non si pensi. Se si scorre la commedia classica non si potrà fare a meno di imbattersi costantemente in questo nome, senza però vederlo affibbiare a protagonisti ed eroi; Sosia è il tipico nome da schiavo. I grandi commediografi […]

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani aggiornato sulle nostre ultime pubblicazioni

Le nostre rubriche

Top