Le Arti Marziali Occidentali nel 1600

Febbraio 19, 2020
Samuele Baracani

In molti anni di pratica di arti marziali si finisce coll'imparare cosa distingue un sistema di combattimento militare, un sistema di autodifesa, uno sport e una vera e propria arte. Nel moderno occidente insegnare a battersi con lo scopo di scendere in guerra è appannaggio di pochi e l'uso delle armi moderne ne ha cambiato completamente la forma e l'attitudine, ma le altre forme si trovano ovunque, più o meno edulcorate.

Ciò che fra le altre distingue l'arte è il fatto di non avere un'applicazione pratica precisa. Chi frequenta un corso di Karate o Wing Chun non ha come primo scopo né quello di vincere le gare, né di imparare tutti i segreti per non essere malmenato non appena imbocca una strada sbagliata. Il suo scopo è semplicemente formativo nella maniera più generale possibile.

La cosa interessante è che una mentalità del genere si trova già tranquillamente nel XVII secolo, come si può leggere nel secondo capitolo del manuale di spadone di Francesco Alfieri

In quest’arte si considera la Teorica e la Pratica; la Teorica è il modo come noi dobbiamo operare con l’armi in mano contra il nimico e come si deve caminar co’ piedi, e portare le braccia, e ancora sapere tirare i colpi che impariamo in varie e diverse maniere, che servono per offendere e per difendere, si com’è il dare de’dritti e di roversi tondi, e fendenti, montanti, stramazzoni, sgualembri, far sbaragli e ruote, molinelli, cambiamenti di corpo, e tirare punte e tagli in varie e diverse guise, e come portare, slanciare, girare da una parte e l’altra stando, andando avanti e ritirandosi, in molti modi che l’arte in segna, e con questo esercitio e studio si accresce l’ardie per difendersi dai popoli pieni di sangue, hogiosi, pronti a far l’ingiurie; e chi ben sa valersi di quest’artifitios’arma dello Spadone, può andare contra ogni arma nemica per esser esso assai avantaggioso, e in ogni luogo l’huomo si può difendere così in strada larga e stretta, come nelle piazze e in campagna, che si fosse assalito da nimici e davante e di dietro. Questo nobile esercitio è molto frequentato nella mia Scuola da Signori Italiani, Polachi, Francesi, e Alemanni e da altri ragguardeboli soggetti di diverse Nationi e ciò lo fanno per acquistare prestezza e fortificarsi con il corpo, e far l’agilità, e svegliare l’ingegno addormentato per natura; Però ogni studioso armigero nelle occorenze si può valere dell’eccellenza dell’arte per difesa della vita e dell’honore, come mostriamo con i discorsi e con le figure che chiaramente insegnano.

Oltre all'interessante riferimento all'internazionalità degli allievi, va notato che il primo scopo è quello di acquisire prontezza, forza e agilità, oltre a "svegliare l'ingegno". La dichiarazione di questi scopi corrisponde bene o male ad una lezione introduttiva di una qualsiasi arte marziale che viene insegnata oggigiorno.

In questo periodo ormai la scherma non è più considerata come un'arte utile sul campo di battaglia, e infatti l'Alfieri ne descrive l'utilizzo in piazze affollate, strade strette o larghe o in piena campagna, ponendo l'accento sull'eventualità di essere attaccati e spesso non ad armi pari. Lo schermidore non è più un soldato, non viene più addestrato ad usare armi in asta e non ha alcun interesse a imparare a stare in formazione o a dover affrontare una situazione da campo di battaglia. In questo caso non è neanche un duellante (come invece vale per altri manuali di questo periodo), ma un semplice cittadino che tiene alla sua forma fisica e ad una sua eventuale capacità di difendersi. D'altra parte già solo il fatto di portare un'arma di tali proporzioni dovrebbe scoraggiare chiunque dall'attaccar briga.

La cosa più interessante di questo testo però è il pubblico a cui si rivolge. Il tono dell'opera, così come la cura della realizzazione, tradisce una mano non particolarmente avvezza allo scrivere e allo stesso tempo più intenzionata a fornire una sorta di supporto alle lezioni dal vivo che a creare un vero e proprio trattato. Si tratta di una cerchia ristretta, ma non definita semplicemente ad un livello di classe sociale. L'Alfieri ripete più volte di aver ammaestrato cavalieri anche stranieri, ma non si mette mai a fare il loro nome. Non cerca un protettore, come chi si rivolge alla nobiltà, ma dei clienti interessati alle sue lezioni, come un libero professionista qualsiasi. Certo, fra questi clienti ci saranno anche dei cavalieri, ma il manuale e il tipo di insegnamento è rivolto a chiunque abbia di che pagare, ovvero ad una selezione di persone basata sul censo più che sulla classe sociale. L'interesse è maggiormente rivolto alla difesa dei civili piuttosto che a qualsiasi altro ambito di applicazione, ed è principalmente una difesa solitaria, un po' come nella nostra moderna autodifesa.

La cosa più interessante da rilevare in tutto questo è come l'arte marziale si definisca principalmente in base ai propri scopi (cosa insegnare e a chi) piuttosto che al periodo storico o alla situazione. Per quanto il contesto possa far scegliere un tipo di arma rispetto ad un'altra, o una tecnica rispetto ad altre, è il fine a determinarla in ultimo, come probabilmente vale per ogni altra cosa

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani aggiornato su articoli e pubblicazioni

Novembre 24, 2020
La schiavitù nella letteratura 2: Sosia, lo schiavo della commedia

La parola sosia per quanto possa suonare aulica ha una storia molto meno nobile di quanto non si pensi. Se si scorre la commedia classica non si potrà fare a meno di imbattersi costantemente in questo nome, senza però vederlo affibbiare a protagonisti ed eroi; Sosia è il tipico nome da schiavo. I grandi commediografi […]

Novembre 22, 2020
La rivolta giacobita del 1745

23 Luglio 1745, Isola di Eriskay, Ebridi, Scozia. Una nave francese si avvicina alla costa e sbarca cento uomini in abiti militari. Fra quei cento, con un tartan rosso vivido, avvolto sulla spalla c'è un giovane principe, il legittimo re di Scozia e Inghilterra. La rivolta giacobita ha inizio. La strada per il 1745 Questioni […]

Novembre 2, 2020
Ma è vero che una volta si facevano 10 figli?

Uno dei luoghi comuni maggiormente ripetuti riguarda il numero di figli per famiglia nel passato. Quanto possiede di vero? Davvero un tempo si facevano figli a oltranza, sapendo che ne sarebbero sopravvissuti la metà? Le origini di un mito: la famiglia allargata Innanzi tutto bisogna dire che questo luogo comune non è una semplice diceria; […]

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani aggiornato sulle nostre ultime pubblicazioni

Le nostre rubriche

Top