Comunista, compagno mio...

Marzo 22, 2018
Edoardo Dantonia

Non è passato molto tempo da quando il nostro elegante intellettuale di sinistra è stato dimesso per l'ennesima volta dall'ospedale.

Ancora fasciato e ingessato, torna a casa di corsa, per così dire, senza fare deviazioni e ignorando chiunque abbia l'aria di potergli rivolgere la parola. Giunto sul fatidico pianerottolo, ben attento che non ci siano i pacifisti in agguato, si chiude in casa tutto trafelato. Una volta al sicuro, accende la TV e cerca di rilassarsi. Ma sotto casa un gran vociare lo disturba, così si affaccia e vede che è in corso un'assemblea di comunisti, con tanto di palco e microfoni e casse da concerto. Tutto eccitato pensa: "Da loro non posso temere nulla: la causa proletaria è sopra tutto!", per poi scendere, sempre di corsa, per così dire.

Dopo essersi infilato tra la folla, raggiunge il palco e fa segno di voler parlare, così la sicurezza lo issa accanto al microfono e un uomo in giacca e cravatta gli cede la parola. "Compagni!", inizia alzando il pugno e suscitando applausi e grida, "Gli uomini son tutti uguali!", ancora applausi, "Uomini e donne uniti per un fine comune!", sempre più forte. Che sia la volta buona? Pare di sì: dopo qualche altro slogan, scende dal palco e si mette in disparte, orgoglioso e felice d'aver contribuito alla causa proletaria.

Dopodiché, a evento finito, attraversa la strada per tornare a casa, ma un'auto lo investe scagliandolo a vari metri di distanza. Subito dal veicolo, una Rolls-Royce coi vetri oscurati, scendono delle persone: è l'uomo che conduceva l'assemblea con la sua scorta. "Mi dispiace immensamente!", dice costernato quello, "Ecco, questo è il numero del mio avvocato, spero possa esserle utile", aggiunge porgendogli un biglietto. Nel mentre gli uomini della sicurezza lo alzano, gli sistemano i vestiti, poi risalgono in auto con il loro capo e sfrecciano via.

Così il nostro intellettuale rimane poggiato a un muretto, con in mano un biglietto insanguinato e con nuove fratture e commozioni a ricordargli quanto può essere dolorosa una giusta causa.

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani aggiornato su articoli e pubblicazioni

Novembre 24, 2020
La schiavitù nella letteratura 2: Sosia, lo schiavo della commedia

La parola sosia per quanto possa suonare aulica ha una storia molto meno nobile di quanto non si pensi. Se si scorre la commedia classica non si potrà fare a meno di imbattersi costantemente in questo nome, senza però vederlo affibbiare a protagonisti ed eroi; Sosia è il tipico nome da schiavo. I grandi commediografi […]

Novembre 22, 2020
La rivolta giacobita del 1745

23 Luglio 1745, Isola di Eriskay, Ebridi, Scozia. Una nave francese si avvicina alla costa e sbarca cento uomini in abiti militari. Fra quei cento, con un tartan rosso vivido, avvolto sulla spalla c'è un giovane principe, il legittimo re di Scozia e Inghilterra. La rivolta giacobita ha inizio. La strada per il 1745 Questioni […]

Novembre 2, 2020
Ma è vero che una volta si facevano 10 figli?

Uno dei luoghi comuni maggiormente ripetuti riguarda il numero di figli per famiglia nel passato. Quanto possiede di vero? Davvero un tempo si facevano figli a oltranza, sapendo che ne sarebbero sopravvissuti la metà? Le origini di un mito: la famiglia allargata Innanzi tutto bisogna dire che questo luogo comune non è una semplice diceria; […]

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani aggiornato sulle nostre ultime pubblicazioni

Le nostre rubriche

Top