“Anthoi”, i fiori poetici del Bene di Roberta Conte

Aprile 17, 2019
Schegge Riunite
Anthoi è il titolo della nuova raccolta di versi della giovane ragusana Roberta Conte. Il libro è stato pubblicato da Schegge Riunite e si apre con una sapiente e dotta prefazione di Gianni Battista Cauchi.

Il titolo, che significa “raccolta di fiori”, per gli appassionati di poesia non può che ricordare il grande Charles Baudelaire. Ma quelli di Roberta Conte non sono fiori del male, bensì fiori del Bene.

Non a caso, leggendo le poesie dell’autrice, mi sono ricordato che nel Salmo 72, parlando del Re Messia, l’autore dice: “da prima del sole Germoglio è il suo Nome”. Per questo, dietro ogni verso di Roberta Conte, si intravede la voglia di raccontare la propria terra, di sopportarne le contraddizioni e di far emergere tutto il bello che spesso gli occhi stanchi non riescono più a vedere. L’autrice ci invita a guardare sempre oltre le effimere apparenze perché, come ha detto sapientemente Eraclito, “la natura ama nascondersi”.

Sono tutte poesie delicate, profonde, oniriche e intense che navigano tra le vie di Sicilia, dei suoi sogni, dei suoi profumi, dei suoi abitanti e delle sue sere. Roberta Conte si sforza di cercare una luce duratura che vinca per sempre il buio: “Cantami un canto che rompa il buio / e scuota il silenzio di questa sera”. Sono versi-fiori di primavera, che non a caso è la stagione in cui, secondo Dante, Dio creò il mondo. Roberta Conte, allo stesso modo, crea stati d’animo, li dipinge in maniera astratta e concreta, osserva i sentimenti umani e sparge bellezza con parole semplici e sublimi.

Leggendo il libro, essendo anche io un poeta, mi sono ritrovato molto nella poesia Amico: “Amico hai un quaderno in cui scrivi / parole gustose di speranze, sogni, / parole amare di sconfitte, perdite.” […] “Conosco del tuo cuore tutto quello / che non vedi nel tuo volto. / Nel riflesso di uno specchio / hai letto anche di me”.

Proprio così, perché c’è qualcosa che unisce tutti i poeti: la Grazia. Milan Kundera, infatti, ha scritto: “poeta non è chi scrive versi ma chi – ricordiamoci di questa parola – è eletto a scriverli, e solo un poeta può riconoscere con certezza in un altro poeta questo contatto della grazia”.

Ma questo mazzo di fiori è donato a tutti, non solo ai poeti, supera ogni solipsismo e merita di essere letto e accolto sempre in una feconda relazione umana, perché “D’un sogno io e te siamo i soli custodi” e “la sola vera forza / è quella che si coltiva / in due”.

Tratto da: InsiemeRagusa.it

Per acquistare il libro visita Amazon.it

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani aggiornato su articoli e pubblicazioni

Novembre 24, 2020
La schiavitù nella letteratura 2: Sosia, lo schiavo della commedia

La parola sosia per quanto possa suonare aulica ha una storia molto meno nobile di quanto non si pensi. Se si scorre la commedia classica non si potrà fare a meno di imbattersi costantemente in questo nome, senza però vederlo affibbiare a protagonisti ed eroi; Sosia è il tipico nome da schiavo. I grandi commediografi […]

Novembre 22, 2020
La rivolta giacobita del 1745

23 Luglio 1745, Isola di Eriskay, Ebridi, Scozia. Una nave francese si avvicina alla costa e sbarca cento uomini in abiti militari. Fra quei cento, con un tartan rosso vivido, avvolto sulla spalla c'è un giovane principe, il legittimo re di Scozia e Inghilterra. La rivolta giacobita ha inizio. La strada per il 1745 Questioni […]

Novembre 2, 2020
Ma è vero che una volta si facevano 10 figli?

Uno dei luoghi comuni maggiormente ripetuti riguarda il numero di figli per famiglia nel passato. Quanto possiede di vero? Davvero un tempo si facevano figli a oltranza, sapendo che ne sarebbero sopravvissuti la metà? Le origini di un mito: la famiglia allargata Innanzi tutto bisogna dire che questo luogo comune non è una semplice diceria; […]

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani aggiornato sulle nostre ultime pubblicazioni

Le nostre rubriche

Top