Privacy e proprietà

Gennaio 4, 2018
Samuele Baracani

Può darsi che la norma che costringe a pagare una cifra irrisoria per delle bustine di plastica fino ad ora regalate abbia un senso; e può altrettanto darsi che abbia un senso la protesta di quelli che, non avendo speso nulla a riguardo fino all'altro ieri, ora si sentono defraudati. Dal punto di vista politico e ideale entrambe le cose hanno un fondamento solido, l'una nelle necessità ambientali, l'altra nella consuetudine e nella percezione dell'inutilità di un ulteriore norma che vada a pescare nelle tasche della gente.

Di certo, però, qualcuno che ha torto c'è e si tratta di quelli che si sono lanciati in commenti a riguardo di coloro che si lamentano di due centesimi sfoggiando telefoni che valgono cinquantamila volte tanto. Nel denunciare una mancanza di buonsenso, non di rado si finisce col lasciare il buon senso in un cassetto, e questo è uno di quei casi. Innanzi tutto occorre far notare che la giustizia o meno di una norma non è determinata né dall'intelligenza, né dalla giustizia, né dal conto in banca, né tanto meno da come lo gestisce chi la denuncia. Anzi, forse è più ammirevole chi se ne lamenta pur essendone toccato marginalmente perché il suo ideale è più puro.

In secondo luogo, però, occorre far notare un punto di fondamentale importanza che a furia di giustizialismo stiamo ormai dimenticando. La nostra società si fonda, che ci piaccia o meno, sulla proprietà privata. Forse un giorno un qualche spettinato idealista riuscirà a costruire un mondo che funzioni in altro modo, ma al momento non abbiamo altre alternative sensate e anche gli idealisti tendono tutti a mantenersi un po' troppo in ordine e a pulire con troppa cura le loro barbe. Ora, per quanto possa apparire improbabile, la prima caratteristica della proprietà privata è, guardacaso, quella di essere privata. Non solo personale, ma dotata di una sua propria e fondamentale privacy. Difficilmente qualcuno di noi, ricco o povero che sia, si troverebbe a proprio agio a rendere pubblico il proprio conto in banca o a mostrare la propria dichiarazione dei redditi a qualcun altro piuttosto che all'Agenzia delle Entrate. Si tratta di cose per l'appunto private e che dunque preferiamo tenere per noi. D'altra parte giudicare qualcuno per quello che ha e non ha è allo stesso modo meschino. Poi, è ovvio, finché ci si trova dietro ad una tastiera, si può dire quello che si vuole, ma nella realtà, a ficcare il naso nelle tasche altrui si rischia di prendersi qualche mazzata.

 

 

 

 

 

 

Ti interessa leggere qualcosa di meglio? Dai un'occhiata ai nostri libri: https://amzn.to/2Q5viVA

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani aggiornato su articoli e pubblicazioni

Novembre 24, 2020
La schiavitù nella letteratura 2: Sosia, lo schiavo della commedia

La parola sosia per quanto possa suonare aulica ha una storia molto meno nobile di quanto non si pensi. Se si scorre la commedia classica non si potrà fare a meno di imbattersi costantemente in questo nome, senza però vederlo affibbiare a protagonisti ed eroi; Sosia è il tipico nome da schiavo. I grandi commediografi […]

Novembre 22, 2020
La rivolta giacobita del 1745

23 Luglio 1745, Isola di Eriskay, Ebridi, Scozia. Una nave francese si avvicina alla costa e sbarca cento uomini in abiti militari. Fra quei cento, con un tartan rosso vivido, avvolto sulla spalla c'è un giovane principe, il legittimo re di Scozia e Inghilterra. La rivolta giacobita ha inizio. La strada per il 1745 Questioni […]

Novembre 2, 2020
Ma è vero che una volta si facevano 10 figli?

Uno dei luoghi comuni maggiormente ripetuti riguarda il numero di figli per famiglia nel passato. Quanto possiede di vero? Davvero un tempo si facevano figli a oltranza, sapendo che ne sarebbero sopravvissuti la metà? Le origini di un mito: la famiglia allargata Innanzi tutto bisogna dire che questo luogo comune non è una semplice diceria; […]

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani aggiornato sulle nostre ultime pubblicazioni

Le nostre rubriche

Top