Nino Oxilia - Canti Brevi

18 Giugno, 2018
Camillo Samsa

[et_pb_section fb_built="1" admin_label="Best Selling Book Section" _builder_version="3.7" use_background_color_gradient="on" background_color_gradient_start="rgba(148,166,191,0.34)" background_color_gradient_end="#f4f4f4" background_color_gradient_direction="90deg" background_color_gradient_start_position="40%" background_color_gradient_end_position="0%" background_image="https://scheggeriunite.it/wp-content/uploads/2018/06/paper.jpg" background_blend="multiply" custom_padding="50px|0|10px||false|false" animation_style="fade"][et_pb_row padding_top_2="70px" _builder_version="3.0.106" background_size="initial" background_position="top_left" background_repeat="repeat"][et_pb_column type="4_4" _builder_version="3.0.47" parallax="off" parallax_method="on"][et_pb_text admin_label="Title" _builder_version="3.7" text_font="Nunito|600|||||||" text_font_size="15px" header_font="||||||||" header_font_size_tablet="40px" header_font_size_last_edited="off|desktop" header_2_font="Abhaya Libre|700|||||||" header_2_font_size="64px" header_2_font_size_tablet="40px" header_2_font_size_last_edited="on|tablet" header_2_line_height="1.2em" header_4_font="Nunito|700||on|||||" header_4_text_color="#bda392" header_4_letter_spacing="2px" header_4_line_height="1.8em" custom_margin="||40px|11px" animation_style="slide" animation_direction="right" animation_intensity_slide="5%" animation_starting_opacity="100%"]

Canti Brevi

[/et_pb_text][et_pb_text _builder_version="3.7" text_font="Nunito||||||||" text_line_height="1.8em" custom_margin="|||12px" animation_style="slide" animation_direction="right" animation_intensity_slide="5%" animation_starting_opacity="100%" inline_fonts="Gentium Book Basic,IM Fell English"]Per le edizioni Schegge Riunite esce una nuova edizione dei Canti brevi - Versi -, del poeta piemontese Nino Oxilia. Nei primi del Novecento egli, oltre che poeta, fu drammaturgo, giornalista e ancor più fama raggiunse con la regia di mirabili pellicole quali Rapsodia satanica o Sangue Bleu. Film dove recitavano alcune tra le più affermate dive dell’epoca: Lyda Borelli, Francesca Bertini, e Maria Jacobini, amata del nostro poeta. Le liriche della raccolta, così ben radicate nello spirito della poesia crepuscolare del tempo, sono anche uno squarcio nel sentimento e nelle idee di Oxilia.

Convinti che l’unica maniera per poterle apprezzare sia leggerle, magari ad alta voce come richiederebbe la poesia, vi anticipiamo parte della prefazione.

 

Di Oxilia, o del non conoscere

 Di cosa necessita una persona per essere lieta? Oxilia non lo sa. O se lo sa non lo dimostra e non ce lo fa conoscere nelle sue opere. Si potrebbe dire che forse è al nostro stesso livello, ma poi se venisse fuori che qualcuno conosce quel modo per esser lieto allora non sarebbe sul piano di Oxilia e di molti altri. Egli conosce il riso, di questo conosce e ne parla. Si vedano alcuni versi della poesia numero otto della seconda parte:

 

E ridere di voi, del mondo, della fede,

della speranza, ridere.

 

Oppure, più avanti nella quarta parte alla quinta lirica:

 

Folle è il pensare. In questo breve esilio

cui siam costretti impera la menzogna.

Non v’è amor, né speranza. Padre e figlio

mentono tutti. Ridere bisogna! [...]

 

[...] agire in mezzo a queste umane cose

per noi, solo per noi, godere e odiare,

poi giungere alla verità: morire.

 

Questo riso sulla speranza, sulla cose che spesso muovono la vita delle persone non è dissimile dal riso di Democrito raccontatoci da Ippocrate, uno pseudo Ippocrate per la verità. Nelle sue lettere riporta: «[Democrito] rispose: “Tu [Ippocrate] attribuisci due cause al mio riso, i beni e i mali; ma io rido di un unico oggetto, l’uomo pieno d’insensatezza, vuoto di opere rette, puerile in tutti i suoi progetti, che sopporta senza alcun beneficio prove senza fine, spinto dai suoi desideri smodati ad avventurarsi fino ai confini della terra e delle sue immense cavità, fondendo l’argento e l’oro, non smettendo mai di accumularne, affannandosi sempre per possederne di più allo scopo di non decadere”.»[1]

Uno scopo, come appena letto in Oxilia, folle in quanto sempre alla morte si giunge.

In questa breve nota introduttiva, che ha al massimo l’ambizione di non far allontanare dalla poesia di Oxilia il lettore, si cerca solo di dar dimostrazione di come questi versi, anche rimanendo su un piano impressionista e per nulla approfondito o di studio, portino la mente e l’animo del lettore a confrontarsi con la propria natura di uomo nello sguardo di chi ha vissuto, e riportato su carta, la vasta caleidoscopia dei sentimenti senza giungere alla lietezza di cui si scriveva in apertura. È forse una breve raccolta di come si possa vivere, o si tenti di farlo, quando di sé si arriva a dire:

 

Io sono il figlio dell’ombra perfida,

dentro al mio cuore sento pozzanghere

bieche stagnare.

 

Tutta la grande ombra dei secoli

su di me pesa, che si contendono

Caino e Bruto.

 

Aborro il riso, ghigno alle lagrime,

disdegno i popoli, disprezzo i Cesari

non credo in Dio.

 

In questa carrellata di angosce tipiche dell’uomo moderno, di cui Oxilia si fa cantore, rimane nella chiosa panica, così propria del Crepuscolarismo, una piccola àncora di sopravvivenza:

 

A te soltanto, alba, che ascendere

sai e il cielo di sangue tingere

il cuor s’inchina.

[1] Ippocrate, Sul riso e la follia, Sellerio, Palermo, 1999, pp. 63-64.
[/et_pb_text][et_pb_button button_text="Compra Questo Libro - €10.00" _builder_version="3.17.6" custom_button="on" button_text_size="14px" button_text_color="#ffffff" button_bg_color="#94a6bf" button_border_width="8px" button_border_color="#94a6bf" button_letter_spacing="2px" button_font="IM Fell English|700||on|||||" button_use_icon="off" box_shadow_style="preset2" box_shadow_horizontal="0px" box_shadow_vertical="25px" box_shadow_blur="45px" box_shadow_color="rgba(148,166,191,0.25)" custom_margin="30px|||" animation_style="slide" animation_direction="right" animation_intensity_slide="5%" animation_starting_opacity="100%" button_text_size__hover_enabled="off" button_text_size__hover="null" button_one_text_size__hover_enabled="off" button_one_text_size__hover="null" button_two_text_size__hover_enabled="off" button_two_text_size__hover="null" button_text_color__hover_enabled="off" button_text_color__hover="null" button_one_text_color__hover_enabled="off" button_one_text_color__hover="null" button_two_text_color__hover_enabled="off" button_two_text_color__hover="null" button_border_width__hover_enabled="off" button_border_width__hover="null" button_one_border_width__hover_enabled="off" button_one_border_width__hover="null" button_two_border_width__hover_enabled="off" button_two_border_width__hover="null" button_border_color__hover_enabled="off" button_border_color__hover="null" button_one_border_color__hover_enabled="off" button_one_border_color__hover="null" button_two_border_color__hover_enabled="off" button_two_border_color__hover="null" button_border_radius__hover_enabled="off" button_border_radius__hover="null" button_one_border_radius__hover_enabled="off" button_one_border_radius__hover="null" button_two_border_radius__hover_enabled="off" button_two_border_radius__hover="null" button_letter_spacing__hover_enabled="off" button_letter_spacing__hover="null" button_one_letter_spacing__hover_enabled="off" button_one_letter_spacing__hover="null" button_two_letter_spacing__hover_enabled="off" button_two_letter_spacing__hover="null" button_bg_color__hover_enabled="off" button_bg_color__hover="null" button_one_bg_color__hover_enabled="off" button_one_bg_color__hover="null" button_two_bg_color__hover_enabled="off" button_two_bg_color__hover="null" button_url="https://amzn.to/2zzuSiu"][/et_pb_button][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section][et_pb_section fb_built="1" custom_padding_last_edited="on|desktop" admin_label="Author Section" _builder_version="3.0.106" background_color="#383e59" background_color_gradient_direction="90deg" parallax="on" custom_margin="|||" custom_margin_tablet="0px|||" custom_margin_last_edited="off|desktop" custom_padding="50px|0|0||false|false" custom_padding_tablet="70px||120px|"][et_pb_row use_custom_width="on" _builder_version="3.0.106"][et_pb_column type="4_4" _builder_version="3.0.47" parallax="off" parallax_method="on"][et_pb_image src="https://scheggeriunite.it/wp-content/uploads/2018/06/Copia-di-Oxilia-Canti-Brevi-lite.jpg" align="center" _builder_version="3.17.2" border_radii="on|6px|6px|6px|6px" box_shadow_style="preset3" box_shadow_vertical="35px" box_shadow_blur="70px" box_shadow_spread="-35px" box_shadow_color="rgba(0,0,0,0.6)" max_width="400px" custom_margin="|||" animation_style="slide" animation_direction="left" animation_intensity_slide="5%" animation_starting_opacity="100%" locked="off"][/et_pb_image][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Hai trovato utile o interessante questo articolo? Prova a dare un'occhiata ai nostri libri. 
Le Schegge Riunite non usano banner pubblicitari e contano su di te per poter proseguire il loro lavoro.

1 Marzo, 2020
N di ReceNsire

Facebook Twitter Linkedin VKontakte N di MeNare, ovvero il miglior concentrato di schiaffoni oggi in circolazione. Se siete lettori di arguti saggi o romanzetti da club del libro, questa antologia piena di ignoranza sopraffina e botte innominabili non fa di certo per voi. Ma se invece amate la violenza gratuita, il linguaggio ripugnante, il ritmo […]

29 Febbraio, 2020
Fantafilologia: i frutti di un cattivo albero

Facebook Twitter Linkedin VKontakte Bisogna arrendersi: o ci si tiene aggiornati e al passo coi tempi, oppure si finisce nell'oscurità del dimenticatoio più profondo. Quindi ci si ammoderni e si abbandoni ogni vecchia e obsoleta cattiva abitudine; bisogna dedicarsi a quelle nuove. La nuova frontiera della fantafilologia ormai è quella del correggere trascrizioni e traduzioni, […]

19 Febbraio, 2020
Le Arti Marziali Occidentali nel 1600

Facebook Twitter Linkedin VKontakte In molti anni di pratica di arti marziali si finisce coll'imparare cosa distingue un sistema di combattimento militare, un sistema di autodifesa, uno sport e una vera e propria arte. Nel moderno occidente insegnare a battersi con lo scopo di scendere in guerra è appannaggio di pochi e l'uso delle armi […]

Iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti per ricevere la rassegna settimanale, rimanere aggiornato sulle attività, gli eventi e le novità editoriali.


Le nostre rubriche

facebook-square linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram