Una regola per gli imprenditori

18 Gennaio, 2020
Samuele Baracani

Siamo a gennaio, un mese orribile per le vendite online e un mese ottimo per fare un bilancio di come stanno andando le cose. L'anno passato ci ha visti crescere molto, a fronte di una grande quantità di lavoro effettuato, ma anche di un buon carico di esperienza accumulata e il più importante aspetto di questa è stato imparare a fallire.

Può sembrare assurdo, ma quello che più conta nel mettersi in gioco e nel tentare di costruire qualcosa è imparare a fallire e a farlo il più rapidamente possibile. La realtà è crudele e ci costringerà prima o poi a rendere conto di ogni errore commesso, sicché, quando gli errori sono tanto grossi da poter portare ad un fallimento, è meglio affrontarli il prima possibile. Le idee, i progetti, le buone intenzioni devono essere messe alla prova, non solo per essere raffinate, ma spesso anche per essere abbandonate e scartate. Il tempo a nostra disposizione è poco e non ha senso sperperarlo in cose che non porteranno risultato.

Per questo abbiamo messo in pausa i Chesterton in inglese e la Salgariana per quanto fossero tra le due collane che ci sono più care; se Il Diluvio si è dimostrato una scommessa vinta, bisogna avere l'onestà di ammettere che altre sono state perse e dunque non è sensato continuare a giocarci. Lo stesso si può dire delle sponsorizzazioni sui social, che non hanno fatto che divorare i nostri quattrini, producendo molti pochi risultati.

La parte interessante di tutto questo, però, è che questi fallimenti non sono stati una perdita. Può sembrare banale citare il proverbio giapponese: "A volte vinco; tutte le altre imparo", ma fotografa in modo abbastanza efficace la nostra situazione. Alle volte è più opportuno fare uno studio preliminare per poter comprendere se davvero gettarsi in un'impresa, ma tante volte solo un tentativo può indirizzarci.

Ancora più importante però è la necessità che questi fatti ci hanno imposto di uscire sempre più dalla mentalità di lavoratori dipendenti, gente che fa il proprio mestiere e riceve una paga. L'imprenditoria è sempre una scommessa e un lanciarsi, anche quando si tratta di un progetto in erba come il nostro. Questo ci costringe a tenere conto sempre di come reggiamo ogni prova e di quali sono i feedback per ogni libro, e dunque a reindirizzarci continuamente. Si chiama fail faster ed è la regola fondamentale di ogni creativo: essere pronti a sbagliare e a fallire in fretta per potersi dedicare a qualcosa di più efficace.

Attenzione, tutto questo però ha un suo costo. Ogni tentativo mette in gioco un capitale che sia in denaro, in tempo o anche solo in quel carico emotivo di speranze che ci spinge. Senza un'adeguata preparazione il tentativo solo sarà un fallimento a prescindere.

Hai trovato utile o interessante questo articolo? Prova a dare un'occhiata ai nostri libri. 
Le Schegge Riunite non usano banner pubblicitari e contano su di te per poter proseguire il loro lavoro.

1 Marzo, 2020
N di ReceNsire

Facebook Twitter Linkedin VKontakte N di MeNare, ovvero il miglior concentrato di schiaffoni oggi in circolazione. Se siete lettori di arguti saggi o romanzetti da club del libro, questa antologia piena di ignoranza sopraffina e botte innominabili non fa di certo per voi. Ma se invece amate la violenza gratuita, il linguaggio ripugnante, il ritmo […]

29 Febbraio, 2020
Fantafilologia: i frutti di un cattivo albero

Facebook Twitter Linkedin VKontakte Bisogna arrendersi: o ci si tiene aggiornati e al passo coi tempi, oppure si finisce nell'oscurità del dimenticatoio più profondo. Quindi ci si ammoderni e si abbandoni ogni vecchia e obsoleta cattiva abitudine; bisogna dedicarsi a quelle nuove. La nuova frontiera della fantafilologia ormai è quella del correggere trascrizioni e traduzioni, […]

19 Febbraio, 2020
Le Arti Marziali Occidentali nel 1600

Facebook Twitter Linkedin VKontakte In molti anni di pratica di arti marziali si finisce coll'imparare cosa distingue un sistema di combattimento militare, un sistema di autodifesa, uno sport e una vera e propria arte. Nel moderno occidente insegnare a battersi con lo scopo di scendere in guerra è appannaggio di pochi e l'uso delle armi […]

Iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti per ricevere la rassegna settimanale, rimanere aggiornato sulle attività, gli eventi e le novità editoriali.


Le nostre rubriche

facebook-square linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram