Attraverso la neve

Marzo 6, 2018
Samuele Baracani

Sabato, appena fatta una lunga camminata sotto la neve, ben coperto, a parte per le scarpe che sono da sempre il mio tallone d'Achille, rientro in casa e mi scrollo di dosso un mantello di fiocchi candidi, che vanno a bagnare il vano delle scale.
Tiro fuori il cellulare, nel caso qualcuno mi avesse cercato e fra gli stati di whatsapp ne trovo uno che mi blocca a riflettere: "Bella la neve, ma in montagna, adesso basta!" scrive una mia conoscente che sta in una grande città.
Ed ha perfettamente ragione. La neve crea un sacco di problemi e contrattempi; è fredda e riesce a bagnarti i piedi fino all'osso anche quando hai delle scarpe impermeabili; blocca le strade alle auto, rende difficile camminare e molto poco piacevole uscire, a meno che non si abbia un paio di sci ai piedi. Il suo manto bianco, per quanto gradevole alla vista, crea un grosso numero di problemi; la neve è infida e pericolosa.

La verità è però che, quando sono uscito con cappotto e cappuccio, io cercavo proprio questo; il più grande splendore della neve sta proprio nel fatto che la sua bellezza ha un prezzo e che questo prezzo si paga subito. Il suo candore non si sottomette senza lo sforzo di essere domato; semplicemente, in alcuni casi, è stato domato per noi. La neve non è solo quella cosa che possiamo guardare con gioia e malinconia dalla nostra finestra standocene bel belli al caldo, oppure che possiamo affrontare ben preparati in una stazione sciistica in una giornata che abbiamo dedicato a quella che crediamo essere avventura. D'altra parte non è neanche soltanto il sovrapporsi di disagi, ritardi di mezzi e treni, gelo e umido che si insinuano in ogni possibile apertura nelle nostre difese.

Più di tutto essa rappresenta quel monito che tutte le vere avventure portano con sé: per affrontare il mondo occorre essere preparati. Solo in questo caso se ne potrà godere la reale bellezza, solo così se ne potrà apprezzare il valore segreto. Essere preparati (coprirsi nel modo giusto, alzarsi un'ora prima a spalare il vialetto o per prendere i mezzi in modo di arrivare per tempo, o ancora essere in grado di lavorare o studiare a casa in casi estremi) è il prezzo da pagare per poter godere del bene che essa è, come di ogni altro bene, il che è bello e istruttivo.

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani aggiornato su articoli e pubblicazioni

Novembre 24, 2020
La schiavitù nella letteratura 2: Sosia, lo schiavo della commedia

La parola sosia per quanto possa suonare aulica ha una storia molto meno nobile di quanto non si pensi. Se si scorre la commedia classica non si potrà fare a meno di imbattersi costantemente in questo nome, senza però vederlo affibbiare a protagonisti ed eroi; Sosia è il tipico nome da schiavo. I grandi commediografi […]

Novembre 22, 2020
La rivolta giacobita del 1745

23 Luglio 1745, Isola di Eriskay, Ebridi, Scozia. Una nave francese si avvicina alla costa e sbarca cento uomini in abiti militari. Fra quei cento, con un tartan rosso vivido, avvolto sulla spalla c'è un giovane principe, il legittimo re di Scozia e Inghilterra. La rivolta giacobita ha inizio. La strada per il 1745 Questioni […]

Novembre 2, 2020
Ma è vero che una volta si facevano 10 figli?

Uno dei luoghi comuni maggiormente ripetuti riguarda il numero di figli per famiglia nel passato. Quanto possiede di vero? Davvero un tempo si facevano figli a oltranza, sapendo che ne sarebbero sopravvissuti la metà? Le origini di un mito: la famiglia allargata Innanzi tutto bisogna dire che questo luogo comune non è una semplice diceria; […]

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani aggiornato sulle nostre ultime pubblicazioni

Le nostre rubriche

Top